Sfumature

Amici per la pelle

di Stefania Maroni
Pronti a tutto pur di renderla levigata e luminosa. I nuovi fondotinta promettono effetti speciali.

Lunare, ai limiti della trasparenza, sulle passerelle fashion delle sfilate. Ambrato, quasi brunito quello delle ko-gal, le ragazze giapponesi più trendy e anticonformiste. Il fondotinta può prestarsi ai giochi estremi della moda, ma il vero segreto del suo appeal rimane la capacità di mimetizzare i piccoli difetti cutanei senza farsi notare.

MASSIMA DISCREZIONE
Se il ritocco non è evidente, infatti, può svolgere persino una funzione “terapeutica”. «Cancellare dal viso ombre e imperfezioni aiuta a gestire meglio le proprie emozioni e a mostrare la parte migliore di sé», afferma Chiara Arena, psicoterapeuta a Genova. É importante, però, usare il fondotinta con cognizione di causa. «Non deve coprire come una maschera, ma migliorare l’aspetto della pelle, rendendola più levigata e luminosa». Ma questo non è il suo unico compito.

OLTRE IL MAKE UP
Oggi, il fondotinta non può essere considerato un semplice prodotto per il trucco. Le case cosmetiche, infatti, rinnovano di continuo le loro formule, arricchendole con principi attivi sempre più mirati: da esclusivi complessi antinquinamento e antietà agli acidi azelaico e lattico (seboregolatori), dall’acido ialuronico (potente idratante) agli estratti vegetali dalle proprietà elasticizzanti.

TONALITÀ SU MISURA
Per un effetto il più possibile naturale, il fondotinta deve stabilire una perfetta identità cromatica con la pelle. «Se il colorito è pallido, conviene puntare sulle sfumature rosate; se tende a ingrigire, meglio optare per le nuance ambrate; se non ha particolari inflessioni, la tonalità da scegliere è il beige», consiglia il  visagista Mario De Luigi. «Naturalmente, il prodotto deve anche essere testato. La zona ideale è lungo la mascella, dove si può controllare facilmente che non crei antiestetiche demarcazioni tra viso e collo».

PERFEZIONE LONG LASTING
Un requisito di base del fondotinta è la tenuta, oggi garantita per tutto il giorno da qualsiasi tipo di prodotto da quelli fluidi ultralight, a prova di calore e umidità, ai compatti, che regalano una carnagione di porcellana. Ma per aumentarla, basta preparare adeguatamente il viso. Anzitutto applicando un’emulsione idratante e, a distanza di qualche minuto, un primer, che migliora l’aderenza dei pigmenti alla pelle.

ISTRUZIONI PER L’USO
Se la nuance è strettamente vincolata al colorito, le tecniche di applicazione offrono diverse alternative, come spiega la visagista Katia Matta. «I fondotinta fluidi si applicano con i polpastrelli, dopo averli intiepiditi nel cavo della mano.
Quelli compatti, invece, vanno stesi con una spugnetta in lattice, sfiorando la pelle delicatamente, senza premere, per evitare accumuli di prodotto. Le perfezioniste, poi, possono usare il pennello, che consente di distribuire in modo omogeneo tutti i tipi di fondotinta, con movimenti circolari dal centro verso l’esterno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Gallery, Trattamenti, Viso Argomenti: , , , Data: 03-11-2014 04:50 PM


Lascia un Commento

*