MULTIUSO

Lievito, amico del benessere

di Nadine Solano
Indispensabile in cucina, grazie anche alle sue proprietà benefiche. Ci rende più belle. E non ingrassa.
Il lievito è una sostanza particolarmente versatile, per questo è conosciuto fin dall'antichità.

Il lievito è una sostanza particolarmente versatile, per questo è conosciuto fin dall'antichità.

Lo usavano le popolazioni antiche, a cominciare dagli Egizi, contro le malattie epidemiche e per depurare l’organismo. Il lievito di birra, addirittura, compare come ingrediente base delle ricette per vivere a lungo, custodite nel famoso papiro Ebers, che risale al 3500 a.C.  Col passare del tempo sono state scoperte e messe a fuoco tutte le virtù del Saccharòmyces cerevisiae – questo il suo nome scientifico – che di conseguenza è diventato uno fra gli integratori naturali più noti e apprezzati. E anche uno dei più versatili. Uomini, donne, bambini, anziani, sportivi, persone convalescenti: il lievito di birra può essere un toccasana davvero per chiunque.
AMICO DELLA SALUTE
È un concentrato di vitamine del gruppo B, dunque favorisce la trasformazione di proteine, carboidrati e lipidi in energia. Inoltre contiene sali minerali (ottima notizia per chi suda molto durante l’attività fisica), ha proprietà anticancerogene, stimola le difese immunitarie è prezioso anche per i diabetici, grazie alla presenza di cromo che normalizza la glicemia e incrementa la sensibilità dell’insulina. È utilissimo contro le emorroidi, l’insonnia, lo stress, la diarrea. Aiuta persino a digerire, è disintossicante e antianemico. È anche un prezioso complemento alimentare per i vegetariani, sia per il contenuto di proteine che per la ripartizione di amminoacidi, molto vicina a quella della carne. Un grande amico della salute, insomma. E, di conseguenza, della bellezza.
PELLE E CAPELLI PIÙ BELLI
E a proposito, se state pensando a una “cura” a base di lievito di birra, questa è la stagione ideale. Innanzitutto perché è il momento in cui i capelli tendono a indebolirsi e cadere, e il lievito invece ne stimola la crescita – così come quella delle unghie – grazie alla sua azione trofica. Poi perché l’abbronzatura è ormai un remoto ricordo: le piogge, l’abbassamento delle temperature e la routine quotidiana lasciano il segno sulla pelle, che assume un colore opaco e tradisce tutta la stanchezza accumulata. Ebbene, il lievito può restituire luminosità tramite un’azione depurativa, che riguarda pure il fegato e previene la formazione di brufoli, quindi è indicato anche per chi ha la pelle grassa: meglio delle creme più costose. Il senso di benessere derivante si tramuta in un efficace “scudo” contro la famigerata “depressione d’autunno”, attenuando quindi quel senso di nervosismo e inquietudine che tende a colpire principalmente le donne.

Le proprietà trofiche del lievito favoriscono il rinforzo di unghie e capelli.

Le proprietà trofiche del lievito favoriscono il rinforzo di unghie e capelli.

ATTENZIONE ALLE ALLERGIE
Il lievito di birra si trova facilmente nei supermercati, nelle erboristerie, in farmacia. È venduto sotto forma di pastiglie, tavolette, capsule, bustine solubili e scaglie (in quest’ultimo caso viene consumato come condimento di pasta, riso o insalata). In alternativa lo si può consumare fresco, da sciogliere in acqua tiepida. Il dosaggio consigliato? Non c’è una risposta uguale per tutti. Meglio chiedere al farmacista oppure al proprio medico, anche tenendo conto di eventuali allergie. Sì, questo è il rovescio della medaglia: il lievito di birra può creare intolleranze, che si traducono in gonfiori addominali oppure eruzioni cutanee. Nulla di grave, tutto si risolve sospendendo l’assunzione, ma è bene stabilire subito se c’è il “cartellino rosso” o meno.
IL MITO DA SFATARE
E veniamo al luogo comune che, da sempre, accompagna il lievito di birra, spingendo molte persone a non provarlo nemmeno: è vero che fa ingrassare? No, anche perché il suo contenuto calorico è ridotto. Come già detto, però, è vero che può provocare gonfiori derivanti da eventuali intolleranze ed è anche vero che favorisce l’assimilazione dei cibi. Qualcuno, inoltre, non lo digerisce bene e quindi può avvertire qualche fastidio nelle ore successive all’assunzione. Ma sono ben altre le cose che fanno ingrassare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Capelli Argomenti: Data: 15-11-2012 11:16 AM


Lascia un Commento

*